SELECT LANGUAGE

18 GIUGNO – CERIMONIA UNESCO

18 GIUGNO – CERIMONIA UNESCO

Dal 25 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Per Brescia fanno parte del sito il complesso monastico di San Salvatore- Santa Giulia e l’area archeologica del Capitolium.
L’avvenuta iscrizione verrà ufficialmente presentata lunedì 18 giugno alle ore 16.00 nell’auditorium di Santa Giulia, alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali  prof. Lorenzo Ornaghi, che interverrà insieme alle massime autorità cittadine.
A seguire, dalle 17.00 alle 22.00, il Museo di Santa Giulia rimarrà aperto gratuitamente (ultimo ingresso ore 21.30). Diversi saranno gli interventi artistici che animeranno il museo: nel chiostro di San Salvatore si esibirà il Duoacrobat; lungo le sale si incontreranno le performance dei danzatori dell’Associazione Culturale Danzarte; la musica di un trio del Conservatorio Luca Marenzio di Brescia riempirà il Coro delle Monache; si potranno ascoltare i brani tratti dalle opere di Paolo Diacono e di Alessandro Manzoni letti e interpretati dagli attori dell’Associazione Culturale Cieli Vibranti e CUT “La stanza” Università Cattolica di Brescia nella Basilica di San Salvatore; un’ interprete della badessa Masperoni accoglierà i visitatori in Santa Maria in Solario. Un operatore della didattica sarà inoltre a disposizione dei visitatori nella sezione dei Longobardi, per spiegarne la storia e illustrarne i reperti esposti in museo e infine, per l’occasione, sarà possibile rivedere l’installazione “Water roots” del videoartista Enrico Ranzanici nelle Domus dell’Ortaglia.

Un momento di festa della città, nel suo sito UNESCO, a cui non mancare.

Cerimonia per il riconoscimento UNESCO
Lunedì 18 giugno 2012
Auditorium di Santa Giulia (via Piamarta 4), ore 16.00
Museo di Santa Giulia (via Musei 81/b), dalle 17.00 alle 22.00 (ultimo ingresso ore 21.30)
Ingresso libero.

SCARICA LA LOCANDINA IN PDF
loc consegna TARGAridotta